CANDIDATO AL PARLAMENTO

Giovanni Bona

Età: 55 anni
Città: Capo di Ponte
provincia: Brescia
Professione: Avvocato

Sono nato 55 anni orsono nella media Vallecamonica, in provincia di Brescia. Ho frequentato il liceo scientifico e, quindi, la facoltà di Giurisprudenza dell’Università Statale degli Studi di Milano. Nel contempo, ho frequentato l’Accademia di Belle Arti Tadini di Lovere (BG); quindi la Sezione di Darfo B.T. (BS) del conservatorio di musica “Luca Marenzio” di Brescia, dedicandomi allo studio del clarinetto e diplomandomi in “teoria e solfeggio”. Ho svolto varie attività alle dipendenze della P.A. quali Vigile Urbano, Applicato addetto alla contabilità ed economato, Collaboratore di Cancelleria di Pretura (svolgendo per alcuni periodi anche il ruolo di dirigente la cancelleria), Carabiniere Ausiliario per la durata della ferma di leva, docente di “discipline giuridiche ed economiche” presso Istituti di scuola media superiore. Frattanto, mi sono abilitato allo svolgimento della professione di procuratore legale dal 12/09/1990, iscritto all’Albo degli Avvocati di Brescia dal 07/02/1995 a tutt’oggi ed iscritto all’Albo degli abilitati al patrocinio presso le giurisdizioni superiori (cd. Cassazionisti) dal 09/05/2007 a tutt’oggi. Sono pertanto titolare di uno studio legale che svolge la propria attività nella consulenza stragiudiziale (redazione di contratti e valutazione dei profili di violazione degli stessi, redazione di pareri in tutte le branche del diritto civile) e l’assistenza giudiziale ad imprese e privati, sia dinanzi le giurisdizioni ordinarie, sia dinanzi i collegi arbitrali che presso le Giurisdizioni Superiori (Corte Suprema di Cassazione, Consiglio di Stato, Corte dei Conti) nei settori civile, penale, amministrativo, comunitario, di famiglia, giuslavoristico. L’attività viene svolta anche attraverso una collaudata rete di contatti con professionisti esperti in altri settori del diritto e corrispondenti operanti presso tutti i Distretti di Corte d’Appello italiani e le principali capitali europee. Nel poco tempo libero a mia disposizione, coltivo gli hobbies dell’informatica, delle passeggiate in bicicletta, dei viaggi turistici e seguo film di fantascienza. Ho assunto la decisione di presentare la mia candidatura spinto dalla consapevolezza che non sia possibile continuare ad assistere impotenti al progressivo degrado delle istituzioni e dei valori che fecero un tempo grande il mio Paese. Degrado ormai diffuso capillarmente sia a livello centrale che periferico nella vita amministrativa del Paese ed ormai radicato sia nel settore politico che in quello burocratico. Nel contempo, ritengo doveroso da parte mia far parte di un Movimento il cui scopo sia il tentare di ricostruire un clima di fiducia e di speranza, specialmente per le generazioni future, in una società in cui invece prevale da tempo lo scoramento e la disaffezione, sentimenti del tutto giustificati in considerazione del perpetrarsi di politiche pluridecennali – poste in essere organicamente ed indistintamente da tutti i governi, di qualsiasi colore essi fossero – di smantellamento progressivo di diritti e servizi per imprese e cittadini e di contemporanee cessioni di varie forme di sovranità a tutto beneficio dell’incremento dei privilegi delle ben note lobbies, nazionali ed internazionali.

Giovanni Bona