CANDIDATO AL PARLAMENTO

Giuseppe Milazzo

Età: 58 anni
Città: San Gregorio di Catania
Provincia: Catania
Professione: Esperto di Orientamento Professionale e Selezione del Personale

Facebook

Twitter

Instagram

Contatto e-mail

Nato 58 anni fa a Catania e cresciuto nel centro della stessa, il conseguimento di una qualifica professionale mi apre le porte, sin da giovane, al lavoro dapprima presso un’officina motori come operaio rettificatore  e, successivamente, presso un Ente di Formazione Professionale come formatore di pratica nei corsi del settore industria. Da lavoratore conseguo, in periodi diversi, due diplomi di Maturità che mi permettono di poter svolgere anche la mansione di formatore teorico nei corsi professionali riconosciuti dalla regione siciliana. La passione per il vino e per il cibo mi porta a  conseguire il diploma di Sommelier e quello di Assaggiatore di Vini e quindi  poter svolgere formazione nel settore della enogastronomia. Cresco professionalmente, quindi,  nel settore della formazione professionale che mi dà l’opportunità, a seguito di processi di riqualificazione,  di diventare “Esperto di orientamento professionale e selezione del personale” e svolgere attività di politica attiva del lavoro, che svolgo ancora tutt’oggi. Sposato, padre di tre figli, di cui due sposati che mi hanno reso nonno, mi piace lo sport ma lo pratico saltuariamente; mi interesso di volontariato e di tutto ciò che può essere di aiuto per il prossimo. Per anni sono stato coordinatore regionale del sindacato nel settore della formazione professionale, settore che, in Sicilia, negli ultimi anni, ha subito un grosso taglio da parte del Governo Regionale che, decidendo di non pubblicare più bandi, ha arrecato una crisi economica e lavorativa a più di 5000 lavoratori del settore, me compreso. L’attuale operato dei nostri Parlamentari, ed il relativo Governo, consegna al cittadino un quadro di una società che, tutt’altro che in crescita economica, porta sempre più persone alla disoccupazione e sempre più giovani alla inoccupazione, a beffa degli studi e dei sacrifici economici. Vivere direttamente il malessere dei cittadini rafforza sempre più la consapevolezza che il lavoro dei parlamentari deve essere svolto per salvaguardare gli interessi di chi li elegge e non per curarne i propri. Mi sono avvicinato alla politica, quindi, perché non mi sento rappresentato. Leggendo lo statuto del MIC, e rispecchiandomi negli ideali che esso sostiene, ho deciso di aderirvi con la  fiducia di raggiungere gli obiettivi previsti e con la speranza di contribuire, avendone la possibilità, ad attuare quel cambiamento che i cittadini si aspettano. Il tutto, nel rispetto delle leggi e  della costituzione Italiana. Tutti, indistintamente, siamo sottoposti alla casta, siamo governati, controllati e condizionati da essa. Dobbiamo essere capaci di far fronte in maniera positiva alle avversità, coltivando le risorse che si trovano dentro di noi al fine di risollevarci e di reagire proprio adesso che  ci troviamo in una situazione di difficoltà.

Giuseppe Milazzo